© Reuters. Apple, i fornitori più colpiti da taglio produzione iPhone

Secondo quanto riferito, Apple Inc (:NASDAQ:) starebbe cercando di tagliare le previsioni di produzione per iPhone nel 2021 di 10 milioni di unità a causa dei problemi di supply chain.

Le ripercussioni della crisi dei chip su Apple
I vincoli di fornitura stanno iniziando a mostrare il loro impatto sulla produzione dei telefoni di fascia premium, ha affermato l’analista di BofA Securities Vivek Arya.

Le carenze stanno interessando diverse aree all’interno della supply chain, inclusi componenti come radiofrequenze/wireless spediti da Broadcom Inc (NASDAQ:AVGO) e driver per display OLED spediti da Texas Instruments Incorporated (NASDAQ:NASDAQ:), ha aggiunto Arya.

L’analista ha affermato che si prevedevano modesti vincoli di capacità, viste le carenze evidenziate da Apple in occasione della chiamata degli utili del trimestre di giugno e i tempi di consegna più lunghi per iPhone 13 rispetto al precedente lancio di iPhone 12.

L’entità dei potenziali tagli è una sorpresa per gli investitori, ha affermato l’analista.

Probabilmente delle eventuali revisioni al ribasso della produzione avranno un impatto sulla maggior parte dei fornitori, anche su quelli con una situazione migliore in termini di capacità, ha detto Arya.

Fornitori con elevata esposizione ad Apple
La forte presenza di Apple nel mercato degli smartphone e un maggior mix con il 5G implica che Cirrus Logic, Inc. (NASDAQ:CRUS), il cui 80% circa delle vendite proviene da Apple, sarà fra le aziende più colpite, ha affermato Arya.

Anche i fornitori di tecnologie per radiofrequenze, come Skyworks Solutions Inc (NASDAQ:SWKS), Qorvo Inc (NASDAQ:QRVO) e Broadcom, registreranno un impatto significativo, ha proseguito l’analista; queste aziende beneficiano di unità solide e di un crescente numero di contenuti nei dispositivi di ultima generazione, ha aggiunto l’analista.

Fornitori con esposizione moderata
Teradyne, Inc. (NASDAQ:TER), il cui 25% circa delle vendite proviene da Apple; Texas Instruments Incorporated (NASDAQ:TXN) con un’esposizione dell’8-10%; NXP Semiconductors NV (NASDAQ:NASDAQ:) con un’esposizione del 5-10%; II-VI Inc. (NASDAQ:IIVI) con un’esposizione del 5-7%; e Intel Corporation (NASDAQ:NASDAQ:) con un’esposizione del 3-4%, sono fra le aziende che saranno moderatamente colpite, ha affermato Arya.

Fornitori con poca o nessuna esposizione
Advanced Micro Devices, Inc. (NASDAQ:AMD), Marvell Technology Inc. (NASDAQ:MRVL), MACOM Technology Solutions Holdings Inc (NASDAQ:MTSI), Microchip Technology Inc. (NASDAQ:MCHP), ON Semiconductor Corp (NASDAQ:ON), Ambarella Inc (NASDAQ:AMBA) e Wolfspeed, Inc. (NYSE:WOLF) sono produttori di chip con poca o nessuna esposizione ad Apple, secondo l’analista.

L’analista ha poi aggiunto che Intel e AMD sono principalmente esposti ai Mac e dovrebbero notare un impatto minimo o nullo dai fattori negativi legati agli iPhone.

Foto per gentile concessione di Apple

Leggi l’articolo anche in Benzinga Italia

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link