Gary Gensler, presidente della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, esorta ancora una volta i progetti crittografici con titoli a registrarsi presso l’organismo di regolamentazione per garantire che gli investitori siano protetti.

In una dichiarazione preparata per la sua testimonianza alla Commissione del Senato per le banche, l’edilizia abitativa e gli affari urbani prevista per il 14 settembre, Gensler ha affermato che la Securities and Exchange Commission, o SEC, stava lavorando con la Commodities Futures Trading Commission per la protezione degli investitori nei mercati delle criptovalute. . Inoltre, spera di sviluppare un quadro politico lavorando con la Federal Reserve, il Dipartimento del Tesoro, l’Ufficio del controllore della valuta e il gruppo di lavoro sui mercati finanziari del presidente Joe Biden.

“Ho suggerito che [crypto] piattaforme e progetti entrano e parlano con noi”, ha affermato il presidente della SEC. “Molte piattaforme hanno dozzine o centinaia di token su di esse. Sebbene lo status giuridico di ciascun token dipenda dai suoi fatti e circostanze, è abbastanza remota la probabilità che, con 50, 100 o 1.000 token, una determinata piattaforma abbia zero titoli”.

Gensler ha aggiunto che la tecnologia innovativa come la criptovaluta può essere un “catalizzatore per il cambiamento” nel settore finanziario, ma non se continua a rimanere al di fuori del quadro stabilito dai legislatori – qualcosa che molte società di criptovalute negli Stati Uniti hanno sostenuto sia dovuto a una mancanza di chiarezza normativa.

“Nella misura in cui ci sono titoli su queste piattaforme di trading, in base alle nostre leggi devono registrarsi presso la Commissione a meno che non abbiano diritto a un’esenzione”.

Cointelegraph ha riferito ad agosto che Gensler sperava di introdurre cambiamenti politici relativi alle criptovalute riguardanti offerte di token, finanza decentralizzata, stablecoin, custodia, fondi negoziati in borsa e piattaforme di prestito. Ha esortato a lungo i progetti crittografici a registrarsi presso la SEC, dicendo in particolare che dovrebbero “entrare” e lavorare con i regolatori.

“Semplicemente non abbiamo abbastanza protezione degli investitori nella finanza, nell’emissione, nel trading o nel prestito di criptovalute”, ha affermato Gensler. “Francamente, in questo momento, è più simile al selvaggio West o al vecchio mondo del ‘buyer beware’ che esisteva prima che venissero emanate le leggi sui titoli. Questa classe di asset è piena di frodi, truffe e abusi in alcune applicazioni”.

Imparentato: Il senatore Warren interroga il presidente della SEC sulla mancanza di protezione degli investitori in criptovalute

Gensler dovrebbe parlare a un’audizione completa del Comitato del Senato per le banche, gli alloggi e gli affari urbani in merito alla supervisione della SEC alle 10:00 EST del 14 settembre.