L’exchange di criptovalute Coinbase, quotato al Nasdaq, ha incontrato i membri del Congresso per discutere il regolamento sulle criptovalute che intende proporre, secondo il CEO Brian Armstrong. Inoltre, la società ha incontrato più di 30 società di crittografia, quattro importanti studi legali e tre gruppi commerciali sulla sua proposta di crittografia.

Coinbase Incontra i membri del Congresso e le aziende crittografiche sul quadro normativo per le criptovalute

Coinbase è in missione per influenzare la regolamentazione delle criptovalute nel CEO degli Stati Uniti Brian Armstrong ha twittato giovedì:

Ora abbiamo incontrato più di 30 società di criptovalute, oltre 25 membri di congressi e/o personale, 4 importanti studi legali e 3 gruppi commerciali sulla nostra proposta normativa per le criptovalute. Il nostro team di policy sta facendo un ottimo lavoro e stiamo cercando di essere parte della soluzione.

Armstrong ha rivelato per la prima volta che la sua azienda stava preparando una bozza di quadro normativo da presentare ai legislatori in un’intervista a Techcrunch Disrupt 2021 il 22 settembre. Ha detto che si aspettava di iniziare a distribuire la proposta di regolamentazione delle criptovalute questo mese.

Il CEO ha rivelato che gli era stata richiesta più volte una proposta di quadro normativo crittografico poiché i regolatori spesso cercano feedback dal settore quando creano nuove regole.

Ha condiviso durante l’intervista: “Quando vado a Washington, ho incontrato un certo numero di persone nel governo, e in genere ci chiedono ‘Beh, hai una bozza, hai una proposta di qualcosa che potremmo provare? per guardarsi intorno su come questo potrebbe essere regolato a livello federale?’”

Armstrong ha notato che Coinbase è attualmente autorizzato come trasmettitore di denaro e prestatore in 50 stati. Ha aggiunto che Coinbase opera sotto la competenza del Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN), della Securities and Exchange Commission (SEC), della Commodity Futures Trading Commission (CFTC), dell’Internal Revenue Service (IRS), del Tesoro e dell’Ufficio. del Controllo dei Beni Esteri (OFAC).

Il boss di Coinbase ha indicato di preferire un quadro federale invece di avere a che fare con regole e agenzie indipendenti stato per stato. È stato citato come dicendo:

Abbiamo una proposta che in realtà vogliamo presentare che potrebbe aiutare a creare almeno un’idea su come andare avanti. Ma questo richiederà il contributo di molte persone.

Coinbase ha recentemente avuto problemi con la SEC per il suo prodotto di prestito che la Commissione considera una sicurezza. La SEC ha minacciato di citare in giudizio la società se fosse andata avanti con il prodotto Lend senza registrarsi, spingendo Coinbase ad abbandonare il suo piano per lanciare il prodotto.

Il presidente della SEC Gary Gensler ha recentemente spiegato che le piattaforme crittografiche che accettavano fondi dagli investitori e offrivano rendimenti “dovrebbero considerare attentamente le leggi sui titoli e parlare con l’agenzia di registrarsi”.

Cosa ne pensi dell’incontro di Coinbase con i legislatori statunitensi per discutere di un quadro normativo per la criptovaluta? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

Crediti immagine: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non si tratta di un’offerta diretta o di una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, né una raccomandazione o approvazione di prodotti, servizi o società. Bitcoin.com non fornisce consulenza in materia di investimenti, fiscali, legali o contabili. Né la società né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causati o presumibilmente causati da o in connessione con l’uso o l’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.





Source link