Un deficit di talenti crittografici sta facendo salire gli stipendi delle aziende indiane impegnate nell’industria blockchain nazionale e globale, secondo i media locali citando i dati di studi recenti. La domanda di professionisti del settore è cresciuta rapidamente nell’ultimo anno.

L’esperienza cripto può portare fino a $ 100.000 di stipendio annuale

Le società informatiche indiane che forniscono servizi a clienti globali, startup fintech e società di consulenza sono state in competizione per specialisti con esperienza nelle tecnologie crittografiche, risultando in quella che l’Economic Times descrive come una guerra di salari. Un rapporto del quotidiano economico indica che la domanda per questo tipo di talento è aumentata in modo significativo negli ultimi mesi.

La domanda di esperti di criptovalute in India aumenta la retribuzione, il picco di posti vacanti

Il numero di posti di lavoro attivi questo mese, ha scritto il quotidiano mercoledì, è di oltre 12.000, il che rappresenta un aumento del 50% rispetto allo scorso anno. I numeri citati provengono dall’ultimo rapporto della società di servizi di personale Xpheno.

L’età relativamente giovane della tecnologia delle criptovalute, di poco più di un decennio, è probabilmente la ragione principale dietro il divario tra il numero limitato di esperti nello spazio e i posti vacanti disponibili. Il deficit di talento sta esercitando una pressione al rialzo sulla remunerazione del settore.

Gli stipendi possono raggiungere fino a 80 lakh di rupie indiane all’anno, più di $ 106.000 al momento della stesura, per specialisti con otto-dieci anni di esperienza, osserva l’articolo. Commentando i risultati, il cofondatore di Xpheno Kamal Karanth ha dichiarato:

Nonostante la vita di 12 anni del dominio crittografico, la sua visibilità mainstream e l’attenzione relativa ai talenti sono inferiori a un decennio.

Un altro rapporto, preparato dall’associazione indiana dell’industria tecnologica Nasscom e dall’exchange di criptovalute Wazirx, rivela che l’industria cripto-tecnologica del paese impiega circa 50.000 professionisti. Sangeeta Gupta, vicepresidente senior di Nasscom, ha dichiarato all’Economic Times che l’organizzazione prevede la creazione del 30% in più di posti di lavoro nei prossimi mesi, se il settore mantiene l’attuale tasso di crescita.

Le aziende del settore cercano più spesso di assumere persone con blockchain, machine learning, soluzioni di sicurezza, soluzioni Ripplex, analisi dei dati e competenze front e back-end. Secondo Xpheno, c’è una carenza dal 30 al 60% di offerta di talenti in questi set di abilità ad alta domanda.

Tuttavia, per alcune competenze di nicchia in criptovalute, sicurezza informatica, scienza dei dati e altre aree, il divario ha già raggiunto il 50-70%. Kamal Karanth ha previsto che la competizione per il talento e la guerra dei salari in corso continueranno per i prossimi due anni.

Pensi che l’India sarà in grado di formare abbastanza talenti nei prossimi due anni per colmare il divario tra i posti vacanti e il numero di candidati qualificati? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

Tag in questa storia

Blockchain, aziende, concorrenza, Cripto, cripto-tecnologia, Criptovalute, Criptovaluta, dati, deficit, Dipendenti, esperti, Fintech, aziende fintech, startup fintech, Gap, India, indiani, indiani, società IT, professionisti, remunerazione, report, Report , stipendi, specialisti, personale, personale, Startup, studi, Talento, stipendi

Crediti immagine: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non si tratta di un’offerta diretta o di una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, né una raccomandazione o approvazione di prodotti, servizi o società. Bitcoin.com non fornisce consulenza in materia di investimenti, fiscali, legali o contabili. Né la società né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causati o presumibilmente causati da o in connessione con l’uso o l’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.





Source link