© Reuters. Natixis: tra inflazione e crescita dei consumi, ecco come deve cambiare il portafoglio

Gli analisti James Beaumont e Nuno Teixeira spiegano come raggiungere il punto di equilibrio nel posizionamento strategico degli investimenti alla luce dei prossimi passi delle banche centrali e della ripresa post pandemica

La lista dei rischi per gli investitori continua a allungarsi, ma i principali continuano a essere inflazione e tapering. Le pressioni sui prezzi continuano a montare per l’impennata dei prezzi dell’energia, i colli di bottiglia dell’offerta non sembrano essere risolti, le scorte si stanno esaurendo, mentre la domanda repressa continua a dispiegarsi con la riapertura dell’economia. E’ un fattore che sta contribuendo ad intensificare i dibattiti sul tapering, con le Banche centrali consapevoli che le pressioni potrebbero durare più a lungo di quanto previsto. La Fed ha indicato che “una moderazione nel ritmo degli acquisti di asset potrebbe presto essere giustificata”, e l’annuncio che potrebbe arrivare a novembre.

TASSI IN RIALZO MA AGGIUSTAMENTI GRADUALI

James Beaumont e Nuno Teixeira di Natixis Investment Managers Solutions, segnalano le attese di un potenziale primo rialzo dei tassi già a fine 2022 negli Usa, mentre la Banca d’Inghilterra ha aumentato la stima d’inflazione a fine anno al 4%, lasciando intendere un possibile rialzo dei tassi l’anno prossimo e la Banca centrale norvegese è stata la prima in Europa ad aumentare il tasso principale. I due esperti di Natixis IM non pensano che ci sarà un reale problema in grado di mettere in discussione la ripresa, perché gli aggiustamenti saranno graduali e anticipati dai mercati, ma i rendimenti sono balzati a livello globale e tornati ai livelli di giugno, con il Gilt a 10 anni che ha toccato il massimo livello di due anni…

Continua la lettura

** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link